INSIEME POSSIAMO cambiare MEDA
stai leggendo...

Primo Piano

Consiglio comunale 22 maggio

Venerdì 22 maggio 2020 si è tenuto il Consiglio Comunale con il seguente O.d.G.

  1. ART.33 – COMUNICAZIONE SINDACO, PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE E CONSIGLIERI COMUNALI.
  2. PROGRAMMA DEGLI ACQUISTI DI FORNITURE E SERVIZI BIENNIO 2020-2021. APPROVAZIONE AGGIORNAMENTO ANNUALE.
  3. RATIFICA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 45 DELL’1.04.2020, AVENTE AD OGGETTO “BILANCIO DI PREVISIONE FINANZIARIO 2020-2022: VARIAZIONE DI COMPETENZA IN VIA D’URGENZA (PROVVEDIMENTO N. 1) ED AGGIORNAMENTO DEL DOCUMENTO UNICO DI PROGRAMMAZIONE 2020-2022.”.
  4. RINEGOZIAZIONE DEI PRESTITI CONCESSI DALLA CASSA DEPOSITI E PRESTITI SOCIETÀ PER AZIONI (CDP S.P.A), AI SENSI DELLA CIRCOLARE CDP S.P.A. N. 1300 DEL 23.04.2020.
  5. REGOLAMENTO PER L’APPLICAZIONE DELL’IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU).
  6. CONFERMA ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL’IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU) PER L’ANNO 2020.
  7. INTERROGAZIONE DEL POLO CIVICO: MEDA PER TUTTI E LISTA CIVICA PER MEDA SULLE OPPORTUNITA’ PER LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE DELLA CITTA’ E DEL SUO CENTRO STORICO, PRESENTATA IN DATA 10.02.2020 PROT.N.3227

INTERVENTI DEL GRUPPO PD CONSIGLIERE ALESSANDRO UCCELLO

pt3) Ratifica Variazione

Il punto in oggetto, che ci accingiamo a discutere, rientra negli argomenti purtroppo correlati alla situazione Covid-19. Come già detto in altri interventi e in altri consigli, siamo tutti ben consapevoli dell’enorme stress cui è sottoposta l’economia del Paese, anche in una zona come la nostra, che negli anni è diventata sinonimo di operosità e ha attirato lavoratori da tutto il territorio nazionale. Questo difficile frangente, tuttavia, espone anche la Brianza e la nostra città alle conseguenti difficoltà economiche dovute al lockdown.

Questa variazione di bilancio in via d’urgenza registra l’arrivo anche a Meda di una quota di aiuti economici stanziati dal governo, volti a sopperire alle mancate entrate delle famiglie in situazioni di emergenza per un totale di circa 124.000 euro investiti in buoni spesa, oltre che all’ingresso di quasi 20.000 euro frutto di una redistribuzione fatta da brianzacque e reti+ del monte premi dell’annuale concorso “Le reti del cuore”, che negli anni ha permesso a molti comuni della zona di avere a disposizione fondi per riqualificazioni e recuperi.

In questi anni ci siamo sempre trovati in disaccordo sulle tematiche relative alla gestione finanziaria di questa amministrazione, abbiamo spesso sottolineato i difetti di bilanci fermi, ingessati, che non spiegano alcuna visione programmatica e progettuale del nostro territorio. Il giudizio complessivo, espresso nei nostri interventi, è sempre stato negativo. Ed è un giudizio che non è ancora stato smentito e pertanto le nostre perplessità in materia di bilancio sono tuttora in essere.

Tuttavia, in questo particolare frangente, abbiamo deciso di considerare la sostanza della variazione, ovvero un aiuto concreto, rapido, che il governo ha stanziato in piena emergenza e che è stato distribuito a tutti i comuni italiani. Affrontiamo una crisi sanitaria ed economica senza precedenti, con pochi strumenti ed enormi difficoltà, ma questa variazione prede la corretta direzione. 

Il nostro voto positivo di questa sera è da intendere così: le profonde diversità di visione sul bilancio e sul DUP permangono. Desideriamo però dimostrare, come già detto nel comunicato congiunto del 16 marzo scorso, a pochi giorni dal lockdown, che come Partito Democratico comprendiamo le difficoltà di chi si sta trovando nei ruoli istituzionali e decisionali in questo momento e, anche se avremmo voluto un maggiore coinvolgimento delle minoranze e un ragionamento condiviso anche a livello comunale sui criteri di distribuzione degli aiuti, ribadiamo che questa emergenza ci trova pronti alla collaborazione.

 

pt.4 Rinegoziazione mutui

Per poter discutere efficacemente sul punto in oggetto, sarebbe stato necessario analizzare come gli interessi complessivi sui mutui attuali si modificano in fase di rinegoziazione. Allo stato attuale, possiamo solo verificare una lieve diminuzione sul tasso di interesse annuale, dato che non permette una visione globale dell’operazione in sé.

Pertanto, ci riesce difficile dare un parere specifico nel merito. Possiamo solo auspicare che per le casse medesi tale manovra si risolva positivamente e che non si dilati nel tempo un debito maggiore che non pagheremo oggi, ma pagheranno i cittadini medesi di domani e le giunte che seguiranno alla presente.

A fronte di queste considerazioni, esprimiamo un parere di astensione.

 

  1. 5 Regolamento IMU

Sul punto in oggetto, trattandosi di un adeguamento normativo a seguito della legge finanziaria del 27 dicembre 2019, il nostro voto sarà di astensione.

 

pt.6 Tariffa IMU

Quando l’anno scorso abbiamo discusso in consiglio comunale l’adeguamento tariffario dell’IMU, ci siamo trovati di fronte quella che abbiamo considerato poco meno che una manovra propagandistica, nella quale la diminuzione della tassa non corrispondeva di fatto ad un reale beneficio concreto e deciso a favore della cittadinanza, quanto più ad un irrisorio risparmio a fronte di un mancato introito di 150.000 euro.

Non è una politica di agevolazione fiscale, questa, quanto piuttosto un palliativo, poco coraggioso. La decisione di non rivedere le tariffe di quest’anno ci porta a pensare che non ci sia stata nel corso dei mesi passati una riflessione più organica volta ad un progetto di più ampio respiro sul tema della fiscalità cittadina. Mancando un intervento più deciso, rimangono aperte le nostre perplessità, contando che c’è stato tempo sufficiente per poter rivedere queste tariffe in un piano più deciso.

Pertanto, il nostro voto continua ad essere negativo.

Condividi questo contenuto!
Partito Democratico - Circolo di Meda Via Roma, 4 20821 Meda (MB) - www.pdmeda.it