INSIEME POSSIAMO cambiare MEDA
stai leggendo...

Partito Democratico

Anomalie nel funzionamento del Consiglio Comunale a Meda

Nella seduta del consiglio comunale di giovedì 26 novembre abbiamo constatato di come l’attuale  maggioranza intende il dibattito democratico durante lo svolgimento del consiglio stesso.  

Dopo aver esaminato e discusso i primi sei punti del Consiglio Comunale si arriva alla discussione  dell’ultimo punto che riguardava l’ordine del giorno relativo alla fragilità della Sanità Territoriale Lombarda,  presentato dai Gruppi Consiliari Partito Democratico e Lista Civica Gianni Caimi Sindaco in data 16.11.2020  prot.n.22079;  

precisiamo per chiarezza d’informazione che:  

l’art.44 del Regolamento per il funzionamento del Consiglio Comunale, stabilisce che gli ordini del giorno  sono presentati per iscritto al Presidente del Consiglio Comunale che li inscrive all’ordine del giorno del  Consiglio Comunale nella prima seduta successiva alla loro presentazione, considerato che la Conferenza  dei Capigruppo Consiliari ha visionato l’ordine del giorno presentato ed espresso il relativo parere  favorevole, come da verbale depositato agli atti.  

Arrivati quindi alla presentazione e alla relativa discussione , Il consigliere di Forza Italia, Andrea Boga  chiedeva la parola e con un intervento in cui nonostante tutto, condivideva i temi sviluppati nell’odg  presentato, chiedeva che fosse messo in votazione la non discussione dello stesso adducendo motivi futili e  inappropriati.  

Incredulità, stupore e sconcerto sono state le nostre prime reazioni, i limiti dei consigli comunali online non  ci hanno permesso d’intervenire prontamente e si è passato immediatamente alla votazione avvenuta con  i voti favorevoli della maggioranza per non procedere alla discussione ,evidentemente parlare delle  problematiche legate alla sanita pubblica in Lombardia rappresenta un Tabù per la maggioranza di centro  destra di Meda.  

Questa in breve la cronistoria della seduta, di seguito alcune considerazioni su quanto è avvenuto:  

Chiederemo una verifica al Segretario comunale sulla regolarità della procedura in quanto non è mai  successo che un punto all’odg approvato dalla conferenza capigruppo e inscritto alla seduta del consiglio  comunale venga cancellato con una votazione senza un confronto preliminare tra gli stessi capigruppo. Una  chiara e inconfutabile prova antidemocratica delle forze di maggioranza che compatte hanno di fatto  impedito una discussione su un tema, quello della sanità, di attuale e vitale importanza per le cittadine e i  cittadini medesi.  

Siamo perplessi del comportamento del Signor Sindaco, che dovrebbe essere il Sindaco di tutti i Medesi ma  in realtà è il sindaco solo di una parte di Meda, dopo le nostre contestazione ha dichiarato di voler  rimandare la discussione del’ OdG in un consiglio successivo dopo un ulteriore passaggio in commissione,  richiesta che ha trovato in disaccordo la sua maggioranza, come dimostrato dal diniego del capogruppo di  Fratelli d’Italia, presidente della commissione, nel attivare tale procedura nonostante il sollecito del Sindaco  stesso per discutere delle problematiche della sanità Lombarda.  

Per ultimo una considerazione sulla presenza dei gruppi di opposizione e sui lavori all’interno del consiglio  comunale se la maggioranza adotta un comportamento che non permette il libero confronto di idee, ci  chiediamo che senso ha la nostra presenza, se Lega Nord, Forza Italia e Fratelli d’Italia se la cantano e se la  suonano a proprio piacimento è inutile la nostra partecipazione.  

(In allegato l’ordine del giorno presentato in consigli comunale)

odg sanità protocollato

COMUNICATO DEL Partito Democratico e della Lista Civica Gianni Caimi Sindaco

Condividi questo contenuto!
Partito Democratico - Circolo di Meda Via Roma, 4 20821 Meda (MB) - www.pdmeda.it