INSIEME POSSIAMO cambiare MEDA
stai leggendo...

Partito Democratico

Consiglio Comunale 17 dicembre 2020

ORDINE DEL GIORNO:

  1. RATIFICA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 146 DEL 27.11.2020, AVENTE AD OGGETTO “BILANCIO DI PREVISIONE FINANZIARIO 2020-2022: VARIAZIONE DI COMPETENZA IN VIA D’URGENZA (PROVVEDIMENTO N. 8) ED AGGIORNAMENTO DEL DOCUMENTO UNICO DI PROGRAMMAZIONE 2020-2022”.
  2. RICOGNIZIONE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DEI PROGRAMMI AI SENSI DELL’ALLEGATO 4/1 AL D.LGS. N. 118/11.
  3. RAZIONALIZZAZIONE PERIODICA DELLE PARTECIPAZIONI PUBBLICHE EX ART. 20 D.LGS. 19.08.2016, N. 175, COME MODIFICATO DAL D.LGS. 16.06.2017 N. 100.
  4. AFFIDAMENTO IN HOUSE ALLA SOCIETA’ ASSP S.P.A. DEL SERVIZIO DELLA GESTIONE DELLA SOSTA A PAGAMENTO DEL COMUNE DI MEDA.
  5. ORDINE DEL GIORNO PRESENTATO DAI GRUPPI CONSILIARI PARTITO DEMOCRATICO E LISTA CIVICA GIANNI CAIMI SINDACO IN DATA 16.11.2020 PROT.N.22079

Di seguito l’intervento dei Consiglieri Comunali PD:

ACCORDO per la progettazione esecutiva e l’esecuzione dei lavori di realizzazione del sottopasso ferroviario lungo le vie Seveso e Cadorna, in comune di Meda, per la chiusura del passaggio a livello lungo la linea ferroviaria FNM Milano – Asso, e del nuovo ponte lungo la via Cadorna sul torrente Certesa.
L’attraversamento della linea ferroviaria delle Ferrovie Nord che collega Meda a Milano ha costituito un motivo di sviluppo economico per la nostra città. Ha anche rappresentato, però, una cesura del territorio comunale, generando difficoltà viabilistiche, inquinamento e un compromesso alla vivibilità cittadina.
Per decenni la città è stata ferma dietro posizioni attendiste, in parte superate, come la proposta di interramento della linea e per incapacità delle passate amministrazioni di saper porre ai tavoli istituzionali il superamento della barriera ferroviaria. Altre città sulla stessa linea ferroviaria hanno risolto da oltre vent’anni il problema dell’attraversamento dei passaggi a livello: a Cesano Maderno il primo sottopasso è stato inaugurato nel 2004, il secondo nel 2006, il terzo ciclopedonale nel 2011 e ora è in progettazione il quarto sottopasso viabilistico. Anche Seveso, grazie in particolare all’amministrazione di centrosinistra del precedente mandato, realizzerà finalmente un sottopasso alla linea ferroviaria.
Per Meda abbiamo atteso la realizzazione dell’opera viabilistica Pedemontana per ottenere nel 2009 come opera connessa il sottopasso ferroviario lungo l’asse stradale di via Seveso – via Cadorna che costituisce la strada esterna che convoglia il traffico più intenso, veicolare e di mezzi pesanti, oltre all’attraversamento di via Trieste, che rimane ancora legato alla realizzazione di Pedemontana.
L’opera connessa di Pedemontana del sottopasso di via Seveso era stata portata già dall’Amministrazione Caimi nell’ambito degli interventi viabilistici sovracomunali al tavolo regionale ed era stata individuata come prioritaria per la città.
L’attuale maggioranza ha proseguito l’intento ottenendo che il sottopasso fosse inserito nel piano degli investimenti sulla rete ferroviaria regionale in concessione a Ferrovie Nord e fosse finanziato per l’intero dalla Regione Lombardia in anticipo sulle somme derivanti da Pedemontana.
Il PD, sia durante l’Amministrazione Caimi 2012-2017, sia ora in opposizione ha dato prova evidente della tenacia di voler risolvere la problematica dell’attraversamento della linea ferroviaria, che rappresenta una delle questioni più importanti per la vivibilità di Meda. Con determinazione e concretezza durante il precedente mandato ci siamo impegnati sui tavoli istituzionali di programmazione e abbiamo inserito il sottopasso viabilistico negli strumenti di pianificazione cittadina, PGT, PGTU coordinando l’opera con gli interventi urbanistici approvati tra cui l’AT1 di via Cadorna, nel quale erano stati già previsti anche i raccordi viabilistici all’interno del piano.
Stasera approviamo l’ACCORDO con Regione Lombardia, Ferrovie Nord, società Pedemontana Lombarda e CAL per la progettazione esecutiva e l’esecuzione dei lavori di realizzazione di questo sottopasso ferroviario.
La progettazione esecutiva e la realizzazione dei lavori sarà affidata a Ferrovie Nord che si assume l’onere e la responsabilità di seguire le migliori tecniche progettuali e costruttive anche in relazione alle componenti idrogeologiche. L’approvazione dell’accordo conferma la nostra determinazione di sostenere questo intervento viabilistico strategico per la città.
Certo, stasera avremmo preferito che fosse stata meglio preparata la delibera fornendo i dettagli del progetto definitivo dell’opera ed in particolare indicando le modifiche intervenute al progetto nel 2019. Per questo, evidenziamo che la fase della progettazione esecutiva e della realizzazione dell’opera infrastrutturale dovrà essere condivisa e monitorata dal Consiglio comunale.
Come avevamo richiesto nel 2019 chiediamo che la Commissione territorio ambiente sia convocata in modo costante per seguire le fasi dell’intervento. Nella Commissione potranno essere meglio illustrati i dettagli progettuali approfondendo le criticità relative all’interferenza con il Tarò ed al coordinamento con i raccordi stradali previsti nell’intervento dell’area AT1 ed in particolare, con la strada di collegamento con via Busnelli anche al fine di evitare il più possibile le ripercussioni, che si saranno durante i lavori, alla viabilità ed alle attività del comparto tra cui la limitrofa azienda Cassina.

Meda, 17 dicembre 2020
Il Circolo di Meda del Partito Democratico

Condividi questo contenuto!
Partito Democratico - Circolo di Meda Via Roma, 4 20821 Meda (MB) - www.pdmeda.it